Brunate: Salita al Faro Voltiano

Brunate: Salita al Faro Voltiano

IL Paesino

Brunate, paese di poco più di 1700 abitanti situato a 715 m s.l.m. sulle prealpi lombarde, è la meta del nostro nuovo articolo.

Il paese è ubicato giusto sopra la città di Como ed è raggiungibile sia in auto che tramite una più suggestiva funicolare risalente alla fine del XIX secolo. Questa funicolare, nata nel periodo della rivoluzione industriale, permise al paesino di rimanere collegato alla grande città sottostante, nonostante la sua ubicazione. Il paesino si trova infatti sulla vetta del monte delle Tre Croci.

Un Resort

Brunate fu negli anni anche rifugio per famiglie abbienti che nel periodo estivo preferivano allontanarsi dalla confusione cittadina di Como e Milano. Qui ritroviamo grandi hotel ormai in decadimento (date un’occhiata al vecchio Grand Hotel Milano in centro paese, un esempio di hotel di lusso chiuso ormai da tempo) e affascinanti ville liberty che raccontano di un’epoca che fu. Ormai purtroppo Brunate non è più la località vacanziera che fu, ma molti preferiscono ancora soggiornare qui per poi raggiungere Como comodamente tramite la funicolare.

 

L’itinerario

Per poter prendere la funicolare e infine raggiungere il Faro Voltiano (meta del nostro itinerario), vi consigliamo di arrivare in treno oppure di parcheggiare la vostra auto in prossimità dello stadio di Como, dove ci sono numerosi parcheggi a pagamento. Da questo punto potrete iniziare a “riscaldarvi”, facendo una bella passeggiata fino a raggiungere la parte opposta del lungolago di Como, dove si trova la stazione di partenza della funicolare Como-Brunate (in Piazza Alcide De Gasperi).

La funicolare

L’antica funicolare di Como-Brunate, nata nel 1894, effettua corse ogni 15 minuti, con le quali in circa 10 minuti vi porterà nel centro di Brunate. Il viaggio in funicolare è di una bellezza sorprendente: Gli antichi vagoni si arrampicano sul monte restituendo panorami mozzafiato su Como e il suo lago. Una volta raggiunta Brunate, è possibile seguire diversi itinerari che portano a monti e punti panoramici. Noi abbiamo deciso di fare una camminata piuttosto faticosa, ma alla portata di tutti: La salita al faro voltiano.

Il cammino

Dopo aver lasciato la funicolare e aver scattato qualche foto dalla sua terrazza panoramica, vi immetterete sul cammino per il faro voltiano, indicato costantemente da una buona segnaletica. Circa trenta minuti su strade asfaltate e nell’ultimo tratto su una mulattiera un po’ dissestata ed in costante salita. Vi assicuriamo comunque che l’itinerario è elementare e adatto anche ai bambini.

Risalendo per il faro, vale la pena fare una sosta presso la Chiesa di Sant’Andrea Apostolo, risalente al ‘300, per poi riprendere il cammino con più vigore. Terminato il tratto asfaltato, vi immetterete su una mulattiera che vi permetterà di raggiungere finalmente Via Scalini. In questo punto, troverete alcuni ristoranti tipici con terrazze panoramiche (che vi consigliamo di prenotare anticipatamente nei periodi di maggiore affluenza) e la bella chiesa di S.Maurizio.

Infine, vi resta un’ultima fatica: La breve scalinata che vi condurrà al Faro Voltiano.

 

Il Faro Voltiano

 

Questo faro con pianta ottagonale è stato realizzato nel 1927 per il centenario della morte del fisico comasco Alessandro Volta. Alto 29 metri, si trova sulla vetta del Monte delle Tre Croci. Nei fine settimana, quando viene aperto da volontari, con una modica cifra, è possibile, risalendo i 143 gradini della scala a chioccia, raggiungere due balconi circolari panoramici.

 

Il Balcone delle Alpi

Brunate è chiamata “il Balcone delle Alpi” e il panorama che si gode dal Faro Voltiano spiega il perché:                  Posta al vertice del Triangolo Lariano, da qui si domina l’intero arco alpino (Monte Rosa compreso), ma anche Pianura Padana, Appennini e Milano con i suoi maestosi grattacieli. Il panorama da qui vi ripagherà di tutta la fatica!

Un’ultima curiosità

Ritornando a Como, dalla parte opposta del lago, all’altezza di Villa Olmo, di sera, potrete osservare come il faro faccia notare la propria presenza: Luci verdi, bianche e rosse illuminano alternativamente la notte comasca.

GALLERIA

MAPPA

 

LINK UTILI

Itinerari della Lombardia

Piatti della provincia di Como

Paola

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: