Bergamo,  Luoghi,  Luoghi della Lombardia

LA CATTEDRALE VEGETALE: Arte e Natura nel Cuore delle Orobie

LAND ART

La cattedrale vegetale è un’opera dell’artista lodigiano Giuliano Mauri (1938-2009), esponente della Land Art. Un’Arte con la quale l’artista aspira ad intervenire sulla natura e sul paesaggio al fine di lasciare un segno nel tempo.

Il concetto di Land Art è divenuto celebre in Italia grazie all’installazione nell’estate 2016 della famosa “passerella” di Christo sul lago d’Iseo. Un’opera che ebbe effettivamente molto più eco di quanto inizialmente ci si aspettasse, tanto che le autorità furono costrette a regolamentarne il flusso di visitatori. Christo proprio come Mauri, infatti, con la sua opera intervenne sul paesaggio e lo modificò, anche se solo temporaneamente.

La cattedrale vegetale di Mauri, invece, è un’opera che lascia spazio al rapporto tra il singolo e la natura. Non attira orde di turisti, conferendole un aspetto mistico e sacro.

LE CATTEDRALI VEGETALI

Le cattedrali vegetali sono architetture naturali realizzate con rami e alberi, dove l’artista rinuncia all’uso di materiali durevoli e pregiati per utilizzare materiali più effimeri e naturali.

Esse rappresentano dei luoghi mistici, dove l’uomo può entrare in contatto con gli spiriti della natura.

Le cattedrali vegetali realizzate dall’artista lodigiano sono, per dire la verità, tre:

  • La prima fu realizzata nel 2001 presso la Malga Costa in Val di Sella in occasione della rassegna d’arte contemporanea “Arte Sella” ed è probabilmente la più conosciuta delle tre.
  • La seconda fu realizzata nel 2010 dal figlio dell’artista ad Oltre Il Colle, ai piedi del Pizzo Arera nel parco delle Orobie Bergamasche.
  • La terza è stata appena portata a termine, nel Settembre 2016, a Lodi sulla riva sinistra del fiume Adda.

RAGGIUNGERE LA CATTEDRALE DI OLTRE IL COLLE

Noi abbiamo deciso di andare a visitare la cattedrale vegetale di Oltre Il Colle poiché, a detta di molti, risulterebbe essere in un contesto più incontaminato rispetto alle altre e perciò quella più in linea con l’idea di “Arte nella natura”.

Raggiungere la cattedrale di Oltre Il Colle non è così facile. Si trova a quota 1345 m s.l.m. Si deve percorrere perciò la provinciale con numerosi chilometri su curve e tornanti. Inoltre ci sono punti in cui è difficile comprendere se si stia andando per la direzione giusta. Infatti la segnaletica per la “cattedrale vegetale” a tratti sembra sparire. In tal caso basterà chiedere ai passanti.

La cattedrale si trova precisamente in zona Zlamba Alta (frazione di Oltre Il Colle – Val Serina).

Vi consigliamo di parcheggiare la vostra automobile in località Plasse e camminare per l’ultimo chilometro, poiché la strada che da Plasse conduce al monte Arera è a pagamento.

Dopo circa un chilometro su strada asfaltata che si inerpica tra i boschi, vedrete finalmente il cartello introduttivo all’opera e infine la cattedrale.

LA STRUTTURA

La cattedrale è costituita da cinque navate di alberi (abeti, castagni, noccioli e faggi) formate da 42 colonne che raggiungono l’altezza massima di 15 metri. Ogni colonna di legno in realtà per ora ospita al suo interno un giovane faggio con l’idea che un giorno, quando saranno abbastanza cresciuti, si libereranno dalle gabbie di legno che li sostengono e conquisteranno lo spazio con le loro fronde.

AFORISMI AL TRAMONTO

Andateci al tramonto: I colori rossastro-violacei renderanno l’atmosfera ancora più suggestiva. Vi troverete nel mezzo di una cattedrale gotica con pavimento di terra e soffitto di cielo. Sedetevi su una panchina e lasciatevi trascinare dalla sacralità del luogo tra meditazione, silenzio e riflessione.

Un sentiero attorno alla cattedrale a cura di Luciano Valle traccia un percorso di riflessione, che attraverso celebri aforismi celebra l’incontro tra uomo e natura. San Bernardo ci invita ad ascoltare la maestra madre natura:

Troverai più nei boschi che nei libri. Gli alberi e le rocce ti insegneranno le cose che nessun maestro ti dirà“. Sarà per questo che lasciando questo luogo al calar della sera, si ha la sensazione di aver imparato qualcosa in più sul nostro stare al mondo.

 

GALLERIA

MAPS

Video

 

ALTRE COSE DA VEDERE NELLA PROVINCIA DI BERGAMO

Luoghi

CRESPI D’ADDA

SAN PELLEGRINO TERME

iTINERARI

VAL VERTOVA

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: