Bergamo,  Luoghi

Crespi d’Adda

Il paese viene costruito dalla famiglia Crespi nel 1878, dopo aver acquistato dai paesi  di Capriate San Gervasio e Canonica d’Adda molti ettari di terreno, con lo scopo edificare qui il loro cotonificio.

Il complesso abitativo ha assunto ulteriore rilevanza quando, il  5 dicembre 1995, è entrato a far parte della Lista del Patrimonio dell’umanità dell’UNESCO. L’ingresso gli è stato riconosciuto in quanto rappresenta uno dei villaggi operai industriali meglio conservato al mondo.

Durante il periodo di maggior splendore il sito storico si è caratterizzato per la sua modernità, basta infatti pensare che già ad inizio del secolo scorso erano presenti:

  • ospedale e bagni pubblici
    Con la crescita del paese il medico non ha potuto seguire tutte le esigenze sanitarie. Proprio per questo nel 1904 la famiglia Crespi fa realizzare un piccolo ospedale vicino all’opificio in modo da poter intervenire velocemente in caso di incidenti sul lavoro. La modernità tipica del paese è stata portata anche qui, infatti sono state utilizzate le tecnologie medico-chirurgiche più avanzate dell’epoca grazie anche al reparto di radiologia e a quello di degenza per i malati che non potevano essere assistiti nelle proprie case. Tutte le spese mediche erano coperte dai Crespi che si impegnavano in caso di necessità a far arrivare esperti medici da Milano. I bagni pubblici sono stati utilizzati fino a quando non sono stati introdotti quelli privati all’interno delle abitazioni.
  • la scuola
  • la casa padronale (“Il castello”)
    La struttura era utilizzata dai Crespi durante la loro permanenza nel paese, si può dire che era il luogo dal quale “regnavano”. Non ci si può stupire sapendo che questo è l’edificio più ricco, realizzato con uno stile tardo romantico e con forme medievali. Ormai divenuto proprietà di privati e lasciato in disuso.
  • l’opificio
    Per quasi un secolo ha rappresentato il cuore del paese, infatti ,a differenza di quanto si può pensare, ha continuato ad essere in funzione fino al 2003. Un elemento particolare è l’ingresso della fabbrica che è realizzato in ferro battuto rosso e decorato con elementi floreali. Attualmente la struttura è stata acquistata dall’imprenditore Antonio Percassi.
  • la chiesa
    La struttura è stata copiata per volere dei Crespi dalla chiesa di Busto Arsizio, loro città natale.
  • il cimitero
    è stato realizzato tra il 1905 e il 1908 su disegno di Gaetano Moretti. Il cimitero situato alla fine della via principale ha una pianta quadrata. Arrivati davanti all’ingresso si viene colpiti fin da subito dal mausoleo della famiglia Crespi realizzato in stile eclettico e che da l’impressione di essere estraneo al luogo. Le tombe degli operai e dei famigliari consistono invece in croci di pietra suddivise su file delimitate da siepi di mirto. I muri laterali ospitano ricche tombe che potevano essere acquistate dagli operai come alternativa al metodo di sepoltura previsto dalla ditta.
  • la casa del medico e del parroco
    Gli edifici sono vicini e si possono trovare a nord-est del paese. Rispetto le case dei comuni operai sono di dimensioni maggiori e decorate con vari elementi.
  • le case per i dirigenti
    I vari edifici sono tutti differenti tra di loro ma tutti molto decorati,abbelliti da balconi,verande e circondate da ampi giardini. Sono visibili nella zona sud-orientale del villaggio.
  • le case di impiegati e dei capireparto
    Risalgono alla fine degli anni 1920 e hanno una pianta rettangolare. Rispetto alla case degli operai sono dotate di alcune decorazioni.
  • Le case operaie
  • il campo sportivo
    Nella zona nord-est del villaggio sorgeva il velodromo  nel cui centro era presente un campo da calcio.
  • infrastrutture e trasporti
    La modernità la si poteva notare anche da alcune curiosità tecnologiche, infatti il paese fu il primo ad avere l’illuminazione pubblica con il sistema Edison. Ai crespi non poteva mancare un collegamento rapido con la loro residenza di Milano infatti hanno fatto installare una linea telefonica privata.

I datori di lavoro si preoccupavano dei loro operai e delle loro famiglie infatti erano loro a provvedere al pagamento della scuola e del materiale ad esso legata. Per il relax e la pulizia degli operai era disponibile anche una piscina con acqua calda già agli inizi del 1900.

Vi consigliamo di visitare questo particolare paese dall’apparenza anacronistica e capace di trasmettere estraneità, arrivando quasi alla sensazione che tutto ciò che ci circonda è finto o quasi un film..ma  senza perdere la consapevolezza della sua avanguardia e del suo antico splendore.

Galleria

Mappa

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: