Salire al Cornizzolo: il balcone della Brianza

Per raggiungere la cima del monte Cornizzolo (1240m) si parte dal comune di Eupilio (CO). Si arriva in auto fino ad un parcheggio posto in località Carella di Eupilio e da qui comincia la nostra salita su strada asfaltata.

L’itinerario segue la strada che porta al rifugio SEC Marisa Consigliere a 1050 m, posto giusto al disotto della cima del Cornizzolo. Si tratta di un rifugio storico, fondato nel 1960 e gestito da volontari della società escursionisti civatesi nei week-end. Vi ci si può mangiare e pernottare, previa prenotazione!

Ponete attenzione nella salita alle navette che portano gli appassionati di parapendio su e giù per la cima. Infatti in prossimità della sommità del Cornizzolo è possibile buttarsi nel vuoto con il parapendio per provare il brivido di questo sport estremo!

Come si raggiunge la cima del Cornizzolo?

Una volta lasciato il parcheggio di località Carella, la strada comincia subito a salire con dolcezza e percorre alcune curve fino ad arrivare ad una sbarra che limita il transito degli autoveicoli. Tutto il primo tratto è caratterizzato da stalle e recinti con animali delle aziende agricole intorno (capre, galli, galline, asini, pecore, pony, mucche) e da un panorama meraviglioso sul Lago di Pusiano. Di sfuggita si riesce a intravedere tra gli alberi anche il Lago del Segrino.

Il percorso presenta una pendenza costante ma non eccessiva. Nel primo tratto c’è qualche zona d’ombra creata da qualche albero, poi la vegetazione diventa sempre più rara fino a scomparire del tutto nei pressi della cima. Calcolate che il tratto da Eupilio fino alla Cima del Cornizzolo dura un’ora e mezza (con 800 metri di dislivello)  ed è esposta completamente al sole. Sicuramente un percorso più adatto alla primavera/autunno, piuttosto che all’estate.

Arrivati nell’ultimo tratto, nei pressi del luogo di lancio degli appassionati di parapendio, è possibile scorgere, un panorama mozzafiato sulla pianura e i laghi briantei!

L’ultimo tratto…

L’ultimo tratto è quello che vi ripagherà di tutto lo sforzo con una vista eccezionale. Nell’ultimo tratto in effetti la strada diventa pianeggiante e percorsi poche centinaia di metri si arriva al rifugio SEC Marisa Consigliere.

Nel prato affianco al rifugio, nelle giornate estive, trovano sollievo dalla calura della pianura numerosi escursionisti, anche con bambini piccoli.

In corrispondenza del rifugio si incrocia l’altra via che porta al monte Cornizzolo, quella che sale dall’abbazia di San Pietro al monte.

Anche la salita a San Pietro Al Monte merita di essere fatta almeno una volta nella vita!

L’arrivo in vetta…

L’ultimo tratto prima della croce di vetta è una salita, abbastanza impegnativa, nel prato. Diciamo che è il pezzo più sfiancante di tutto il percorso, ma in 5 minuti si raggiunge la croce dal Rifugio SEC.

Purtroppo il giorno in cui abbiamo affrontato questa salita era nuvoloso di conseguenza la visuale non era delle migliori. Se si è fortunati, invece, nei giorni con poca foschia si vede anche Milano!

 

PS. Consiglio per una merenda golosa: sulla via del ritorno può essere molto carino fermarsi per una fugace merenda in una delle aziende agricole della zona. Noi ci siamo fermati per un budino e uno yogurt all’azienda agricola D.G. Cornizzolo, da dove si gode una vista spettacolare. I budini e gli yogurt sono tutti prodotti dalle caprette, che potrete vedere nel tendone a fianco al negozio. Tutto buonissimo!

GALLERIA

 

 

MAPPA

 

Download file: cornizzolo.gpx

 

LINK UTILI

itinerari Lombardi

 

Potrebbero interessarti anche...

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: