Itinerari,  Itinerari lombardi,  Lecco

Itinerario verso castello dell’innominato

Descrizione

Possiamo raggiungere  il castello dell’innominato attraversando questo percorso che possiamo definire trivalente dato che unisce,in un’unica, via un lato storico, un lato paesaggistico ed un lato religioso.

L’itinerario ha inizio presso il santuario di San Girolamo Emiliani nella frazione di Somasca di Vercurago, dalla chiesa si prende Via della Basilica verso il centro abitato, poi si prosegue in via San Girolamo.

Arrivati alla fine della via, ci si trova di fronte ad un arco di pietra con una piccola torre sulla destra, questa è la “porta d’ingresso” per la via delle cappelle.

La via delle cappelle è una via penitenziale edificata dalla congregazionedei Chierici Regolari Somaschi per  ricordare le vicende del loro fondatore, San Girolamo.

 

LE CAPPELLE

La lungo la scalinata è possibile incontrare undici cappelle ognuna delle quali riguarda un evento miracoloso compiuto dal santo.

Le 11 cappelle sono:

 

  1. San Girolamo chiede aiuto alla Madonna dopo essere stato imprigionato.
  2. San Girolamo è accompagnato dalla Madonna attraverso il campo nemico.
  3. Girolamo depone le catene davanti all’altare in segno di devozione nei confronti della Madonna.
  4. Girolamo comincia ad occuparsi degli orfani e dei poveri della città di Venezia.
  5. Il Santo seppellisce le vittime della peste a Venezia.
  6. San Girolamo cura gli appestati
  7. Con il segno di croce, Girolamo salva degli orfani da n attacco di lupi
  8. Girolamo insegna il catechismo e lavora insieme agli abitanti della valle di San Martino
  9. Girolamo, prima del sopraggiungere della sua morte, lava i piedi agli orfani.
  10. Girolamo, colpito dalla peste, muore in una casa di Somasca.
  11. La cappella è eretta sulla sommità del castello dell’innominato e rappresenta la moltiplicazione del pane da parte di San Girolamo.

 

Le prime dieci cappelle sono prima dell’eremo della Valletta, l’ultima è nel castello dell’innominato, in località la Valletta,vi è una chiesa e il cimitero dei padri somaschi.

terza

Sorpassata la Valletta si prosegue su una strada pianeggiante fino ad arrivare alla salita al castello dell’Innominato.

qya

Dalla strada principale la salita nasce come un piccolo sentiero ma bene riconoscibile, terminato il viottolo, si arriva al castello.

Quel che rimane della fortezza sono solo le mura ma la vista della zona sottostante fa valere la fatica fatta per arrivare alla sommità della collina.

Dal castello è possibile vedere tutta la zona di Lecco e del lago di Garlate e Olginate

Galleria

Mappa

 

LINK

Ringraziamiamenti

Si ringraziano Paolo per l’articolo e Giovanni da Trezzo per le nuove foto

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: