Pian di Spagna, alla scoperta del tempietto di San Fedelino

Il Pian di Spagna

La nostra gita domenicale ci ha portato a Dascio, piccola frazione del paese di Sorico in provincia di Como. In particolare, ci troviamo nella bellissima riserva naturale palustre detta Pian di Spagna, posizionata a Nord del Lario e con affaccio sul lago di Mezzola (un bacino creato dal fiume Mera). Vi parleremo di un paese, da quanto abbiamo potuto constatare, poco conosciuto dagli Italiani (se non della zona), ma invece apprezzatissimo dai turisti stranieri.

L’obiettivo del nostro itinerario è quello di raggiungere il tempietto di San Fedelino da Dascio.

Noi abbiamo “scovato” questo luogo in un momento di ozio, guardando Google Maps in cerca di una meta per la gita fuori porta domenicale: Questo specchietto d’ acqua dolce sopra il Lario ci ha incuriosito e considerato la prossimità alla Brianza (circa un’ora e mezza di strada), ci è sembrato valesse la pena farci un salto.

Il sentiero

Punto di partenza è Dascio, dove abbiamo lasciato la macchina nei pochi parcheggi disponibili. Da Via Bruga si parte alla volta del piccolo tempietto di S. Fedelino. Il tempietto è di origine romanica (risalente all’anno 1000) e deve il suo nome al fatto che, proprio qui, trovarono riposo le spoglie del martire S. Fedele sino a nuova sepoltura presso la città di Como. La chiesetta è piccolina, ma merita una visita. Il tempietto è gestito da volontari e il costo dell’ingresso è €1.

Da Dascio a San Fedelino bisogna considerare circa 2 ore e 40 minuti di cammino (come segnala il cartello in via Bruga), calcolando circa venti minuti di percorso per escursionisti esperti che passa per una pietraia (consigliamo questo percorso solo a chi è veramente attrezzato). Se invece si preferisce una discesa più tranquilla e confortevole, bisogna considerare altri quaranta minuti di cammino nella più totale tranquillità di un sentiero boschivo fino al tempietto.

Il sentiero è di difficoltà media con tratti in discesa e salita abbastanza impegnativi, ma possiamo confermarvi che il panorama sul lago e il Pian di Spagna ripagano dello sforzo.

Nel primo tratto del percorso tra Dascio e San Fedelino, si trova il cosiddetto Sasso di Dascio (277 metri s.l.m.), che spicca con la sua bandiera italiana issata e il suo piccolo altare. Qui ci accoglie un punto panoramico che spazia dalla Valchiavenna alla Valtellina.

Arrivo al tempietto di San Fedelino

Dal Sasso di Dascio ci vogliono circa 2 ore di sentiero su tratto boschivo e infine una discesa (piuttosto impegnativa) su pietraia. Una volta raggiunto il piccolo tempio romanico, vi consigliamo un ritorno a Dascio in barca. Vicino alla chiesetta troverete un cartello che indica l’imbarcadero a 150 metri dal tempietto e i numeri utili per prenotare il vostro ritorno o gita in barca. Dalla barca avrete la possibilità di godervi con tutta tranquillità il lago, le sue spiaggette nascoste e le scogliere a picco.

La peculiarità di questo giro in barca? Una cascata che riversa le proprie acque su una spiaggetta del lago.

Un metodo alternativo per godersi questa zona del lago e raggiungere il tempietto, è il noleggio di canoe singole o doppie da Dascio. In circa quaranta minuti si può raggiungere la zona.

Un consiglio utile: Questi luoghi così fiabeschi sono anche l’habitat di insetti e zanzare, quindi vi consigliamo di portare con voi un repellente adeguato!

Galleria

Mappa

--true--Download file: dascio-sanfedelino.gpx
 

LINK

Itinerari della provincia di Como

Potrebbero interessarti anche...

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: