La Val di Canè e l’area attrezzata di Cortebona (BS)

Un itinerario abbastanza semplice, che abbiamo avuto occasione di esplorare nel nostro weekend in Valcamonica, è sicuramente quello per raggiungere la Val di Cané dall’omonima frazione di Cané (Vione, BS).

Il percorso è parte del più celebre Parco Nazionale dello Stelvio.

Questo Itinerario parte da Canè a 1476 m.s.l.m. ed ha una durata di un’ora circa con un dislivello intorno ai 250 m.

La camminata è adatta un po’ a tutti, anche ai bambini, anche se il dislivello iniziale risulta abbastanza impegnativo.

Sul percorso vi consigliamo di portare i bambini più piccoli con marsupio o zaino da trekking per risparmiargli la fatica iniziale.

Per chi volesse, è possibile raggiungere l’area di Cortebona in macchina fino alle 9 del mattino oppure dalle 11,30 alle 14,30 e infine dopo le ore 18. Mentre la discesa è libera in qualsiasi orario. Vi consigliamo di mettervi in contatto con gli uffici comunali, se interessati a questa opzione: Il rilascio dei permessi va dai 5 € per i proprietari di immobili nel comune a 10 € per il permesso turistico.

Da dove si parte?

Il consiglio è quello di lasciare l’auto nel Parcheggio denominato “Val di Canè” in prossimità dell’inizio della mulattiera. Lo troverete segnalato proprio così su Google Maps.

Nei weekend e nei giorni di vacanza non sarà facile trovare posto a ridosso dell’inizio del percorso, ma trovate altri parcheggi lungo la strada per salire.

Parcheggiata la macchina, si inizia a salire lievemente lungo il percorso, dopo circa 200 metri la vegetazione diventa più rara  e da li è possibile ammirare sulla destra il massiccio dell’Adamello. Un vero spettacolo!

Si passa, poi, la Baita Stodegarda e si segue la mulattiera che svolta a sinistra.

Qui inizia il pezzo più ripido e più esposto al sole dell’intero itinerario. Si tratta di poche centinaia di metri, che però si fanno sentire nelle giornate più calde.

Finalmente in valle!

Finito il primo tratto, la mulattiera si arrampica dolcemente verso il fondo valle e il suono del torrente (che scorre alla nostra sinistra) ci accompagna per tutto il percorso.

Troverete numerose deviazioni che vi danno la possibilità di intraprendere nuovi itinerari del Parco Nazionale dello Stelvio o di andare a visitare gruppi di baite vicino al corso d’acqua.

Continuando sul sentiero principale, invece, ci avviciniamo sempre più alla nostra meta: la zona pic-nic di Cortebona.

Dove mangiare?

L’area attrezzata di Cortebona è ad accesso libero e si trova a ridosso del centro informazioni, al cui interno potrete trovare numerosi spunti sulla zona e i servizi igienici.

Nell’area troverete tavoloni in legno, una fontana per l’acqua e una pineta all’ombra dove riposarsi o organizzare un pic-nic in compagnia.

Per chi invece preferisse una bella grigliata, qui ci sono delle griglie in mattoni disponibili per chiunque voglia, a patto di lasciare poi il tutto pulito, una volta finito.

Per chi invece preferisse mangiare qualche piatto tipico del posto, poco distante dall’area di Cortebona, trovate l’Agriturismo Val di Cané. Immerso nel verde e con cucina tipica è il luogo ideale per riposarsi e lasciarsi coccolare il palato dopo una bella camminata.

 

Gallery val di Canè

 

Mappa

--true--Download file: val di canè.gpx

 

Potrebbero interessarti anche...

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: