Rifugio Parafulmine

In Val Gandino, su di un colle, si trova un rifugio immerso nel verde dei prati montani: Si tratta del Rifugio Parafulmine (1536 m). Il rifugio è raggiungibile tutto l’anno dal Monte Farno a Gandino (BG) in circa 1:30 di cammino. Il dislivello è di 300 m. Si tratta di un percorso di difficoltà medio-facile che si sviluppa per lo più su mulattiera, su cui passano anche i mezzi fuoristrada del rifugio. D’inverno in zona si può praticare sci di fondo e ciaspolare.

DOVE PARCHEGGIARE

Noi abbiamo parcheggiato l’automobile al Monte Farno, a circa 15 minuti di macchina dal centro di Gandino. Per raggiungere il Monte Farno bisogna acquistare il gratta e sosta al prezzo di 2 € presso i negozi del centro paese. Noi per esempio lo abbiamo acquistato alla tabaccheria di Piazza Vittorio Veneto a Gandino. Una volta preso il pass, potrete quindi prendere la strada per il Monte Farno e parcheggiare nei numerosissimi posti auto disponibili. Qui trovate anche un bagno pubblico presso la ex colonia estiva, un negozio di salumi-formaggi e il Bar Ristorante Monte Farno. 

L’ITINERARIO

Il trekking per il Rifugio Parafulmine parte proprio in prossimità del Bar Ristorante Monte Farno. Qui vedrete i primi cartelli che vi indicano il rifugio Parafulmen a 1,30 ore per 5 km su mulattiera. La prima parte del percorso è completamente in salita per il primo chilometro, poi, arrivati in prossimità di un’area pic-nic, si deve mantenere la destra per proseguire sulla mulattiera. Mentre se si andasse a sinistra si sale verso il Pizzo Formico che domina tutta la valle con la sua croce a 1636 m s.l.m. 

Proseguendo sulla mulattiera, noterete come il percorso diventi improvvisamente pianeggiante. Ci si addentra nella valle verdeggiante, detta Val Gandino, rimanendo sempre protetti dall’ombra imponente del Pizzo Formico. La passeggiata lungo la valle è veramente piacevole, potrete ammirare i vari scorci di panorama, riposarvi vicino ai numerosi laghetti della valle oppure scattare meravigliose foto.

L’ARRIVO AL RIFUGIO PARAFULMINE

Una volta arrivati all’ultimo chilometro, potrete finalmente vedere il Rifugio Parafulmine. Grazie alla sua posizione dominante sulla valle, non potrà non salarvi all’occhio. Posto all’apice di “cucuzzolo” può essere quindi raggiunto facendo una salita più irta e su un terreno più sconnesso (“direttissima”) oppure è possibile proseguire sulla mulattiera, che abbiamo percorso sin da principio, che sale più dolcemente fino al rifugio (“panoramica”).

Una volta raggiunto il rifugio, si potrà decidere se mangiare lì nei tavoli esterni (consigliamo di prenotare) oppure ci si può sdraiare e fare un pic-nic nei prati dietro al rifugio o vicino ai laghetti poco distanti.

Una piccola curiosità: Per chi ha dei bambini, l’itinerario è abbastanza fattibile. Anche se il primo e l’ultimo tratto sono completamente in salita, quindi richiederanno l’aiuto di un adulto. Però sicuramente apprezzeranno le altalene che troveranno poi in quota vicino al rifugio! Alla nostra piccolina sono proprio piaciute! 

Per maggiori informazioni, vi lasciamo il sito del Rifugio Parafulmine.

Potrebbero interessarti anche...

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: